Cookie Policy
 

Interviste & Recensioni

Margherita e punto
Il dilemma di essere amata.

Margherita e punto

Cos’è “Margherita e punto”? Una favola moderna. Margherita, la protagonista, è una di noi: come me, come te, come quella ragazza seduta da sola al tavolino del bar, come quella che ti dà il resto alla cassa del supermercato. Ognuna di noi può essere Margherita, con le sue insicurezze, le sue storie sbagliate e la voglia di essere amata semplicemente per ciò che è. Così l’eroina di questa storia si lancia in amori fatui, sperimenta il mondo dei siti d’incontri, incappa in uomini complicati. Cade e si rialza.
Fino a trovare l’amore, che le appare all’improvviso dopo una notte dolorosa e in una forma che non si sarebbe mai immaginata. Perché l’amore, quello vero, è così: inaspettato e travolgente, e può dare un senso una vita che sembrava inutile e piena di errori.

Intervista all'autrice, Minervino Live News

«L’inizio di questa storia mi ha fatto tornare indietro nel tempo, ma nemmeno troppo, perché sono parole più che attuali.», Piume di carta

«Si può usare l'espressione "libro-verità" per un romanzo? Forse no, ma non trovo altra definizione per definire questo piccolo capolavoro di una scrittrice solo in apparenza esordiente, ma che sa già usare, sfruttare le parole per toccare le corde dell'anima.», Amazon

copertina usurpator.jpg

Un impero in disfacimento, collassato sotto il suo stesso peso.Pelagio, educatore dei figli e della nipote di Massimo, racconta le imprese di quello che, forse a torto, è stato spesso considerato un usurpatore come tanti. Le sue vicende familiari e personali si intrecciano con le decisioni politiche e con le conquiste militari della seconda metà del IV secolo d.C.: la campagna di Giuliano Cesare in Gallia, la rivolta di Firmo in Mauretania e il passaggio dei Goti attraverso il Danubio, fino alla scoperta che lo porterà a trasformarsi da comparsa a narratore della storia.

«Dalle prime pagine mi sono completamente immersa nella lettura, nel mondo descritto dall’autore, e mi è sembrato letteralmente di viaggiare nel tempo.», Piume di carta

«Ogni pagina rivela una ricerca minuziosa sull’avventura di Magno Massimo, su cui si sa così poco. Ne risulta un protagonista estremamente vivo, un uomo eccellente che verrebbe voglia di avere incontrato. Anche i personaggi secondari sono ben delineati e l’intreccio, nella complessità di una vicenda così ricca di colpi di scena, non perde mai il filo», Amazon